Renzi dice ok alle vasche di Senago ma il Movimento 5 stelle non ci sta.

1794788_694791623950836_2349202405079224122_n 
(Conferenza sul Seveso, presso la sede della Corte dei Conti di Milano del 20 ottobre 2014:  I portavoce M5S di Camera e Regione Lombardia insieme ad alcuni attivisti del M5S)

 

Questa mattina la task force di Renzi,  guidata da Erasmo D’Angelis ha presentato a Milano gli interventi che intende attuare per mettere in sicurezza il Seveso dal punto di vista idraulico e ambientale.

Presenti i portavoce in Regione e in Parlamento del Movimento 5 stelle che dichiarano:

“Come al solito si dà priorità alle grandi opere, alle vasche di laminazione, senza pensare di risolvere il problema a monte e cioè nei comuni che attualmente sversano nel Seveso senza ritegno e senza controllo le acque meteoriche e quelle di uso civile e industriale, che si sommano agli scarichi abusivi, il tutto senza alcun rispetto del principio dell’ invarianza idraulica.
Le singole amministrazioni locali vanno responsabilizzate e punite nei casi di reticenza. Le direttive europee prevedono che chi inquina deve pagare e sul fiume Seveso in particolare grava la procedura d’infrazione 2009/2034 che viene utilizzata dal governo per finanziare le grandi opere del movimento terra, con alto rischio di infiltrazioni criminali come nel caso di expo.
Abbiamo presentato le proposte, avvallate da professori universitari, alternative alla costruzione delle vasche a Senago. Se venisse data una risposta immediata, come più volte promesso e mai attuato, all’esigenza di depurazione delle acque del Seveso, l’onda di piena che recentemente ha più volte invaso Milano, potrebbe essere ridotta con piccole opere capillari e diffuse e portata in ultima istanza, un volta depurata, al Ticino adeguando una piccola parte del canale scolmatore di nord ovest” aggiungono i parlamentari e i consiglieri regionali presenti all’evento.

“Non abbiamo nessuna garanzia che la depurazione venga attuata, temiamo per la falda acquifera di Senago che rischia di entrare in contatto con le acque inquinate delle nuove vasche. Il contratto di fiume siglato da anni viene ricordato solo a parole. Opere contenute e diffuse, disinquinamento e invarianza idraulica sono i principi sui quali non ammettiamo deroghe”.

http://www.senago5stelle.it/?p=3481

IL PD CORMANESE CI ACCUSA….

Lunedi 29 Settembre,si è tenuto il Consiglio Comunale per “discutere” e sicuramente “approvare” (purtroppo il PD è la maggioranza e solo immaginare che ci sia un solo Consigliere contrario è utopistico,per logica di partito e non per scelta autonoma) le aliquote Tari,Irpef ed Imu.

Si è inoltre ritornati a discutere di Tasi,e due Consiglieri PD non hanno perso l’occasione per attaccare le minoranze,ree a loro parere di aver pubblicato un post su Facebook (vero) IL GIORNO DOPO l’approvazione dell’aliquota Tasi,in cui segnalavamo attraverso un commercialista la possibilità di aiutare il cittadino nella dichiarazione personalizzata al costo di 10 euro,visto che i bollettini F24 non venivano inviati a casa dal Comune.Probabilmente i due esponenti “renziani” hanno anche pensato che dietro questa segnalazione (quindi non un obbligo),il M5S cittadino ne traesse un guadagno economico….(successivamente è emersa la disponibilità comunale di SUPPORTARE i cittadini nel calcolo gratuitamente,anche se in Commissione si è parlato anche di centri CAF,particolare base omesso nei verbali).

Siamo stati quindi accusati di essere LUCRATORI,MESCHINI e DI BASSO STRATO,aggettivi presenti in parecchi dei LORO esponenti nazionali e non.

Un esempio su tutti la LORO PRIMA BOUTADE nel programma elettorale,in cui SI IMPEGNAVANO nella sezione cosiddetta “SOLIDALE” visto il momento di crisi economica,di NON AUMENTARE LA PRESSIONE FISCALE DIPENDENTE DAL COMUNE (sottolineamo dipendente dal Comune),SEMMAI DI RIVEDERLA IN SENSO PROGRESSIVO.

Come infatti,ironicamente,è puntualmente avvenuto….

L’invito che facciamo al PD cittadino,quindi è di ripassarsi per bene il programma per cui sono stati eletti,ed eventualmente semmai lanciare accuse retoriche.

IL PD BOCCIA LA TARIFFA PUNTUALE SUI RIFIUTI IN CONSIGLIO COMUNALE

Durante l’ultimo consiglio comunale, nonostante in commissione fosse stato approvato l’emendamento riguardante la tariffa puntuale sui rifiuti, in consiglio comunale il Partito Democratico ha fatto valere i suoi numeri bocciando la proposta della tariffa puntuale sui rifiuti.

Le motivazioni che hanno dato erano principalmente due:

1. La scadenza (2015) era sembrata troppo ravvicinata. A nulla è servita la nostra contro proposta di rinviare al 2016, 2017, 2020, per venire incontro a questo punto.

2. Hanno dichiarato che a Cormano sarebbero troppi i cittadini che butterebbero i rifiuti in spazi non consentiti (cestini pubblici, per strada ecc.). A parte la totale mancanza di fiducia dei cittadini cormanesi, abbiamo fatto notare che anche ora alcuni rifiuti vengono gettati in spazi non consentiti, e che comunque bisognerebbe ragionare sul 98% dei cittadini cormanesi che da anni scrupolosamente fanno la raccolta differenziata. Gli altri 2% dovrebbero essere invece puniti e tassati!

Sarebbe giusto anche ricordare che al momento le aziende in crisi (e che quindi creano meno rifiuti) pagano la stessa tassazione sui rifiuti di un’azienda in piena attività e che un cittadino che produce meno rifiuti paga uguale di chi invece non si interessa di questo argomento. E questo è enormemente diseguale!!

Il Partito Democratico quindi, ha dimostrato per l’ennesima volta di non interessarsi minimamente dell’interesse dei cittadini, ma di votare contrario alla nostra proposta solo per il capriccio dovuto al fatto che la proposta… arrivava da noi!

Potete comunque rivedere lo streaming del consiglio al seguente link http://www.comune.cormano.mi.it/Consiglio_Comunale/index.asp (quando verrà messo online).

APPROVATA LA TASI NEL COMUNE DI CORMANO

Dopo un “movimentato” consiglio comunale, grazie al voto del Partito Democratico, anche a Cormano è stata approvata la TASI (tassa sui servizi indivisibili, ovvero tassa sulla prima casa).

Si ricorda che l’aliquota approvata è del 2,3 per mille e che non arriveranno i bollettini precompilati a casa

I cittadini dovranno quindi recarsi presso un CAF o dal proprio commercialista di fiducia. Per chi fosse interessato, noi possiamo fornirne uno per farvi la dichirazione per la cifra simbolica di 10€. Per ulteriori info contattateci a info@cormano5stelle.it

Vi invito a visualizzare lo streaming del consiglio comunale su questo sito http://www.comune.cormano.mi.it/Consiglio_Comunale/index.asp (ancora non è online)

La pubblicità CULturale della piscina COMUNALE di Cormano

Ed ecco a voi la pubblicità che della piscina che i nostri amministratori continuano a voler chiamare “comunale”…

Sicuri che un comune possa realizzare e diffondere giro manifesti di questo tipo? O forse…

10626597_653699504750111_6588934122058551233_n

VOCI DALL´ EUROPA…

Approfittando della presenza in Europa della nostra concittadina Eleonora Evi, cominciamo oggi una rubrica che ci tenga informati su quanto succede a Bruxelles.

Ecco cosa ci hanno voluto dire questa settimana i nostri rappresentanti in parlamento:

– Il M5S, tramite Eleonora Evi, fa sentire forte la propria voce in merito alla grave situazione causata dall’embargo russo sui prodotti agricoli dell’ Unione europea, richiedendo alla Commissione europea di procedere alla compensazione finanziaria immediata degli agricoltori e imprenditori dei settori greci e italiani. Guarda il video :

Immagine anteprima YouTube

– Laura Agea ci parla invece della drammatica situazione dei 500 lavoratori delle acciaierie di Terni: https://www.youtube.com/watch?v=fksg7xZUfLY

– Piernicola Pedicini infine ci illustra le folli scelte ambientali del governo Renzi: https://www.youtube.com/watch?v=Rnx1vkr-iAY&list=UU0WMyGKftmwGly4ioD95ynA

 

 

PARCO VILLA…….. GIOIOSA ( NON PER TUTTI)

Riceviamo e pubblichiamo questa mail di un cittadino cormanese, residente vicino alla Villa Gioiosa:

“Buongiorno , abitiamo in via Mazzini a Ospitaletto, il nostro appartamento , con una esposizione sola si affaccia sul Parco della villa gioiosa.

Il nostro vivere diventa un inferno da l 1 giugno al 30 settembre, perchè per tre volte alla settimana ( giovedi, sabato dalle 21.00 alle 24.00, e la domenica dalle 15.00 alle 19.00) diventa una balera. Ho chiesto gentilmente più volte di abbassare il volume, ho preso e ottenuto un appuntamento con il sindaco Tatiana Cocca, ma ad oggi non è cambiato niente. Avevano parlato di pannelli infrangisuono, ma la risposta è sicuramente perchè non ci sono soldi.Questo disturbo va a coinvolgere nel periodo scolastico anche i miei figli che non prima di mezzanotte non possono andare a dormire.
HO CHIESTO DI PORTARE LE CASSE AMPLIFICATE NEL LATO OPPOSTO DELLA PISTA VOLTANDOLE VERSO LA COMASINA, MA NIENTE
Tutto questo è il culmine di giornate dove il parco, chiamiamolo cosi.. durante il giorno diventa una colonia per bambini , con puro  schiamazzo totale, menefreghismo dei genitori o nonni che li accompagnano. Oltre a cene  pranzi feste all’aperto usando un gazebo sempre vicino alla casa e cucinando la maggior parte delle volte il cibo usando una bombola a gas!!!!
Notare bene che i bambini giocano nel parco anche durante il buio serale usando torce o telefonini per farsi luce.
Abbiamo poi la compagnia di una ” bellissima “edera del parco che ormai ha oltrepassato la nostra cinta, ha invaso l’angolo dei bidoni dei rifiuti!!!
PER POTER VIVERE IN QUESTA SITUAZIONE DI TOTALE CAOS,DOBBIAMO TAPPARCI IN CASA,COMPRARE UN CONDIZIONATORE, E PAGARE PIù DEL DOVUTO LA CORRENTE.!!
CHIEDIAMO.
IL RIDURRE IL VOLUME E  LE SERATE DI LISCIO ,( PER FARE ISTITUIRE UNA  BALERA ALL’APERTO, BISOGNA RISPETTARE DELLE REGOLE.)
UN CARTELLO ALL’ENTRATA CHE OLTRE AL DIVIETO DEI CANI, RICORDI DI NON FARE SCHIAMAZZO PER RISPETTO DELLA GENTE CHE ABITA INTORNO.
…E POI IL VERDE DA SISTEMARE!!! GRAZIE”
Il cittadino ci allega poi un video che mostra a tutti effettivamente quanto è fastidioso l’audio, che si percepisce chiaro e tondo dalla sua abitazione.
Come non condividere il pensiero di questo cittadino? Presto ci muoveremo per approfondire la situazione e vedere cosa si può fare.

Il M5S e la Tariffazione puntuale dei rifiuti

Riassunto dei precedenti: mesi fa come gruppo Cinque stelle di Cormano abbiamo presentato un’Istanza al comune per proporre l’avvio quantomeno di una sperimentazione circa la pratica della tariffazione puntuale per quanto riguarda la determinazione della quota variabile della TARES. Il principio della tariffazione puntuale è semplice: meno rifiuti produco, meno pago. La risposta all’istanza  fu abbastanza evasiva pur accennando ad uno studio in atto presso gli uffici competenti. Nel frattempo ci sono state le elezioni e nonostante nel programma elettorale del PD ci fosse la volontà di portare avanti il programma Rifiuti Zero, nessun cenno si faceva alla tariffazione puntuale, unico vero metodo perfettamente compatibile alla strategia Rifiuti zero.  Siamo allora “tornati all’attacco” questa volta dall’interno del consiglio comunale proponendo un emendamento al programma del centrosinistra che dice:

Il M5s Propone di aggiungere, tra i punti relativi all’adesione alla strategia “verso rifiuti zero”, a pagina 10, il punto seguente: “Sperimentare il sistema della Tariffazione Puntuale dei rifiuti, che permetta di premiare chi differenzia correttamente i propri rifiuti e di sanzionare chi sbaglia, in questo modo si potrebbe alzare in pochi mesi la percentuale di raccolta differenziata con conseguente risparmio nello smaltimento dei rifiuti”.

Al nostro emendamento è stato risposto ancora una volta in modo non specifico quantomeno circa le intenzioni, si parla di se, di ma, di vedremo. Saremo anche maliziosi, ma il dubbio che ci assale da tempo è: un comune socio al 9% di un inceneritore (sull’orlo del fallimento), può permettersi di aumentare la raccolta differenziata con conseguente diminuzione degli introiti (in termini di rifiuti) dell’inceneritore? Non sarà un caso per esempio che il comune socio di maggioranza dell’Inceneritore, Sesto San Giovanni, abbia una ridicola percentuale di raccolta differenziata? Chiusa parentesi maliziosa.

Ma veniamo a ieri (28/7/2014) in commissione bilancio si è discusso del regolamento TARI e il nostro consigliere Ivan Iaffaldano ha proposto una modifica all’art.8 comma 1 chiedendo di introdurre la Tariffazione puntuale dal 2016. La modifica è passata con due voti favorevoli (m5s e Lega Nord) ed uno contrario (PD, assenti gli altri due consiglieri di maggioranza), la cosa ci fa piacere e ben sperare anche se immaginiamo che nel passaggio del regolamento in consiglio comunale (dove la maggioranza ha un potere schiacciante sull’opposizione) le cose verranno ribaltate.

Constatiamo tuttavia con piacere ed accogliamo la proposta del tecnico presente al tavolo di portare avanti nei prossimi mesi una tavola rotonda per studiare le possibili modalità di applicazione della Tariffazione puntuale, questo è un atteggiamento serio che tuttavia non crediamo rispecchi la volontà di questa amministrazione; amministrazione alla quale ricordiamo che il Regolamento per i servizi di igiene urbana citato dal Sindaco nella risposta al nostro emendamento al programma, all’articolo 9 comma 4 dice che

 Il Comune può incentivare alcune pratiche ritenute particolarmente meritorie stabilendo misure premiali per chi le attua

e che il comma 6 dell’articolo 10 del succitato regolamento TARI dice che:

Per la parte variabile della tariffa, il rapporto di produttività dei rifiuti, specificato in

chilogrammi al metro quadrato per ciascuna utenza, da cui ricavare il coefficiente di

produttività Kb, fino a quando il Comune non sarà in grado di misurare individualmente la

quantità di rifiuti prodotta, si applica mediante il metodo normalizzato…”.

  Questi sono riferimenti normativi che vanno chiaramente verso la linea del “Chi meno consuma, meno paga”, convinti quindi che questa sia la giusta strada da percorrere sollecitiamo nuovamente questa amministrazione ad intraprendere un percorso serio che porti nella direzione della Tariffazione Puntuale, chissà, magari chiedendo anche la cooperazione della minoranza.

 

Seveso, fondi ai cittadini e commercianti danneggiati dalle esondazioni

Comunicato stampa. M5S Lombardia. Seveso, fondi ai cittadini e commercianti danneggiati dalle esondazioni

 

Il Consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno del Movimento 5 Stelle Lombardia che invita la Giunta regionale a stanziare fondi per i cittadini e i commercianti del Nord Milano danneggiati dalle piene del Seveso.

Stefano Buffagni, consigliere del Movimento 5 Stelle Lombardia, dichiara: “E’ un atto dovuto, le esondazioni del Seveso sono frutto di anni di politiche sconsiderate nella gestione del territorio. Decine di cittadini e commercianti hanno subito disagi e danni. La Regione deve farsi carico degli errori di amministrazione del passato e immaginare finalmente soluzioni concrete agli allagamenti continui. Il Seveso è l’esatta rappresentazione della mala gestione politica che ha caratterizzato la nostra regione negli ultimi decenni. L’iniziativa di M5S Lombardia è un primo passo per restituire ai cittadini, vittime di una amministrazione scellerata, quanto la politica ha loro tolto”.

DI BATTISTA: BISOGNA FARE RESISTENZA

Immagine anteprima YouTube