INCREDIBILE,IL PD METTE IL BAVAGLIO AL CITTADINO IN CONSIGLIO COMUNALE!!

 

“Abbiamo sempre attuato politiche della partecipazione e della trasparenza, con la profonda convinzione che la vera democrazia parta da un rapporto diretto con il cittadino. Ricreare la fiducia nelle istituzioni è l’obiettivo trasversale in ogni
azione di partecipazione civica, nel processo di creazione di un valore pubblico.
Il rapporto con il cittadino, in generale deve arrivare fino ai processi decisionali, nella produzione e gestione di alcuni servizi e nella valutazione della qualità degli interventi.
La casa comune è tale se realizza concretamente l’opportunità di gestire strategicamente i processi partecipativi, ove necessario andando a modificare lo Statuto e/o i Regolamenti comunali, in materia di consultazione e partecipazione attiva”.

Solo questo semplice copia/incolla dal programma elettorale del PD Cormanese  già utilizzato per l’articolo sulla bocciatura della nostra mozione sulle unioni civili (che sicuramente in futuro riproporranno,in quanto presente nel loro programma per farsene poi unvanto) potrebbe bastare per introdurre quanto di seguito scriveremo…

Nel Consiglio Comunale di Mercoledì 11 Febbraio,finalmente dopo ben quattro (4) mesi dalla presentazione,le nostre mozioni sono state dibattute e visto l’enorme lasso di tempo lasciatole,la maggioranza PD doveva arrivare perlomeno preparata e propositiva.

Ma anche questa volta,come del resto accade anche a livello nazionale,solo per il semplice motivo che le mozioni siano state presentate dal M5S, abbiamo avuto fin da subito l’impressione che a prescindere dalla bontà di tali mozioni,queste non sarebbero state approvate dalla maggioranza PD (a parte una che tuttavia è stata oggetto di emendamenti).

Una delle mozioni che abbiamo proposto,riguardava semplicemente la possibilità da parte del cittadino di intervenire (seguendo determinate regole) verbalmente in Consiglio Comunale e quindi sentirsi più partecipe durante lo stesso.Questa mozione era particolarmente “sentita” dalla cittadinanza che spesso abbiamo incontrato e lamentava l’impossibilità di intervento giustificando di conseguenza la propria assenza in Consiglio o in Commissione.Ricordiamo che una mozione analoga sta per essere presentata dai nostri “fratelli” di Cinisello Balsamo.

Ebbene,il solo PD si è opposto a questa forma di DEMOCRAZIA PARTECIPATA….insomma un paradosso per chi si ritiene il paladino della democrazia (ops….fino a poco tempo fa,visto quanto accaduto proprio la settimana scorsa a livello nazionale).

Motivazione:esistono già incontri o Consigli Comunali aperti (?????? convocati a cadenza biennale….circa).

E’ APPARSO ANCOR PIU’ GRAVE CHE DURANTE IL DIBATTITO DI QUESTA MOZIONE E DI QUELLA RIGUARDANTE IL TESTAMENTO BIOLOGICO IL SINDACO (il “noto” Vicesindaco ha fatto solo una comparsata) SI SIA ASSENTATO USCENDO DALL’AULA E RITORNANDO SOLO DOPO PARECCHI MINUTI,DANDO OVVIAMENTE PER SCONTATO CHE I SUOI “DISCEPOLI” AVESSERO VOTATO (come al solito) PER SPIRITO PARTITICO E NON PER COSCIENZA INDIVIDUALE.

Come è puntualmente avvenuto.

bavaglio_620

 

 

 

 

 

 

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *