LASCIO IL MOVIMENTO E LASCIO LA POLITICA

 

Qualche anno fa mi sono avvicinato al movimento 5 stelle. Da simpatizzante, avevo visto Beppe Grillo in tv, le sue parole avevano riacceso la speranza per me di un futuro migliore. Un futuro senza false speranze, con una politica onesta e pulita, una politica dal basso, senza interessi. Magari con la consapevolezza di non avere delle prospettive economiche prospere per il mio pese, depredato da sciacalli che lo hanno impoverito, ma dilazionando i problemi, facendo in modo che fosse qualcun altro a dover pagare i danni. Io questa consapevolezza ce l’ho, so che dovrò pagare i danni che questi LADRI hanno fatto, ma lo volevo fare a modo mio, garantendo che almeno chi ha rubato fino ad oggi smetta di farlo e ,dove possibile, ripaghi i danni che ha fatto. Sapevo che non era facile e sapevo che partivamo nettamente svantaggiati: niente soldi, nessuna forza di potere, solo le nostre parole e i nostri volantini. Ho iniziato quindi a fare i primi banchetti, che poi sono diventati routine. All’inizio avevamo circa lo 0,5%, ma io sapevo che le idee che proponevamo erano troppo forti, troppo semplici per non essere capite, sapevo che la % non sarebbe stata un problema perchè giustizia e verità erano dalla nostra. Col tempo ho visto eleggere i primi consiglieri regionali come FAVIA di cui andavo fiero, era una bravissima persona, mi piaceva molto e le sue parole davano forza a tutti. Facevano capire che anche un solo consigliere poteva creare scompiglio in mezzo a dei dinosauri. Ho visto eleggere Mattia Calise consigliere comunale a Milano, ha fatto il candidato sindaco a 18 anni, a che altra età si può essere così incoscienti da combattere contro Moratti e Pisapia? Una volta eletto consigliere ha dimostrato quanto valeva: TANTISSIMO. Poi sono arrivate le nostre elezioni nazionali e regionali, in cui ho visto AMICI che fino a ieri erano al mio fianco andare a combattere nelle istituzioni che contano. Pensavo che entrare come opposizione potesse servire ad ottenere molte cose, ma i partiti ci hanno insegnato che o sei al governo o non conti niente, alla faccia della democrazia e dei 8-9 milioni di voti che hai preso. Abbiamo quindi dovuto alzare l’asticella, abbiamo capito che dobbiamo andare al governo, per il bene del paese, subito. Hanno quindi alzato le barriere, hanno usato tutti i loro soldi e il loro potere, continuando imperterriti a rovinare questo paese. Quante volte mi sono chiesto perchè lo faccio, per chi lo faccio? Sto usando molto del mio tempo, quante serate, quanti sabati o domeniche, spesi per cosa? Comandano sempre loro e anche se venissi eletto dovrei sacrificare la mia carriera lavorativa, dovrei sacrificare il mio tempo libero per che cosa? Come fai a continuare a farlo quando poi la gente per strada ti incrocia e ti dice che è colpa tua se Berlusconi è al governo? Quando ti dicono che siamo tutti uguali e che noi non siamo diversi dagli altri? Quando ti dicono “sì hai ragione però sai io ho sempre votato Pd”? Come fai ad andare avanti? Allora avevano ragione, gli italiani non capiscono niente e non capiranno niente, le cose non cambieranno mai e se le cose sono così qualche motivo c’è. Alla fine preferisco darla vinta a loro, rinuncio e mi riprendo la mia vita, forse emigrerò, visto che per il mio stesso lavoro in Germania prenderei 2 volte tanto e in Svizzera 4 volte tanto. Potrei anche andare in California, lì sarei ricercatissimo e guadagnerei 100 mila dollari l’anno. A voi la vostra Bella Italia, è tutta un’illusione.”

 

Questa è la lettera che tante volte avrei voluto scrivere, è quello che tanti attivisti del nostro movimento hanno pensato. Ma non ce la faccio, sono ormai troppo legato a questo movimento e alle persone che lo compongono e sono troppo legato al mio paese. Troppe volte siamo arrivati vicini a cambiare le cose, prima o poi ci riusciremo veramente ne sono convinto. Riusciremo ad avere un mondo in cui la politica sia veramente per la gente e non per le lobby, una Italia in cui le persone siano al centro di tutte le decisioni e il benessere non sia solo materiale, ma anche di diritti e spirituale. In questi anni gli altri partiti ci hanno offesi, minacciati, derisi, umiliati, hanno provato a dividerci, a proporci ruoli nei loro partiti, hanno provato ogni tecnica e lo faranno sempre di più. Non lo hanno sempre fatto, infatti all’inizio ci incoraggiavano, ma poi le cose sono cambiate, hanno capito che la cosa si faceva seria e hanno quindi iniziato ad aver paura. Hanno capito che la gente non è poi così stupida e che se li ha votati fino ad oggi è solo perchè non c’era una alternativa seria e credibile. Ho imparato anche che le persone nei partiti non sono tutte uguali e che ci sono ottime persone anche in pessimi partiti. Ho anche imparato che non tutti i partiti sono uguali e ho imparato in fretta che il Pd è peggio del Pdl, pur venendo da una famiglia con idee di sinistra e come tale ho avuto una educazione di questo tipo. Ma oggi destra o sinistra non esistono più, esiste solo noi e loro. La gente lo sa che tra i due i buoni siamo noi. Presto vinceremo ogni battaglia e solo allora, quando vedrò rialzarsi con forza questo paese, potrò dire “ora ho capito a cosa è servito sacrificare tutto questo tempo”. La causa è giusta e nobile e per questo, non esiste ritirata, ma solo la vittoria. 

Questo articolo non è firmato perchè può averlo scritto ognuno di noi.

Be Sociable, Share!

    64 pensieri riguardo “LASCIO IL MOVIMENTO E LASCIO LA POLITICA

    • 28 maggio 2014 in 07:33
      Permalink

      Dal titolo da adito a lugubre prospettive !
      Bravo a chi ha scritto questo post , non bisogna mai darsi per vinti , specialmente quando si è nel giusto, la strada che stiamo percorrendo è ardua e piena di asperità , non illudiamoci che questi sciacalli mollino facilmente l’osso, il loro agire è tutto finalizzato al loro tornaconto personale e non all’interesse comune dei cittadini.
      Subiremo delle cocenti sconfitte , ma ci saranno giorni migliori, perché la speranza dei giovani che entreranno sullo scenario, i quali saranno sicuramente più informati correttamente col web, ci daranno la linfa vitale per far si che nel prossimo futuro sia portatore di legalità ed onestà soprattutto nella politica .

    • 28 maggio 2014 in 08:35
      Permalink

      bisogna avere tanta fiducia x far capire alla gente che non si puo’ vivere rendendosi complici di delinquenti e corruttori spero che tutti del M5S non demordano e che continuano nel loro operato.

    • 28 maggio 2014 in 09:02
      Permalink

      pd e pdl hanno governato insieme perche anche se pd e stato in oposizione comunque ha partecipato e ha votato i leggi che hanno proposto i pdl tra di questi e anche fiscal compact quindi sono tutti e dui colpevoli che hanno distrutto italia in questo modo.io sono convinta che un giorno gli italiani capirano che hanno sbagliato di lasciare il nostro paese ancora nelle mani di loro ma quando si sveglierano sarra troppo tardi perche nn potremmo salvare piu italia sarra venduto enel eni fin meccanica che sarano nelle mani dei potenti esteri questo la detto renzi che gli vendero ma nn per il momento perche il mercato e bassa aspetero il momento giusto praticamente il futuro dei beni economici del italia nn sarano piu le nostre ma dei altri paesi

    • 28 maggio 2014 in 09:34
      Permalink

      CONDIVIDO PIENAMENTE ANCH’IO IN QUESTI GIORNI STO PROVANDO TANTA TRISTEZZA, PER QUESTA MIA AMATA ITALIA.
      MI SON CHIESTO MIGLIAIE DI VOLTE , COME E’ POSSIBILE CHE LA PAROLA ONESTA’ SPAVENTI, IN UN POPOLO NON DOVREBBE ESSERE LA REGOLA, E NON L’ECCEZIONE?
      OGNI VENTENNIO ARRIVA QUALCHE MESSIA, A REGALARE QUALCHE COSA, A VOLTE SONO LE DENTIERE, OGGI SONO STATI GLI 80 EURO, E IL GIOCO E’ FATTO.
      ALLORA , VIEN VOGLIA DI FREGARSENE DI TUTTO, TANTO NON CAMBIERA’ MAI NIENTE, PERO’ MAI MOLLARE.

    • 28 maggio 2014 in 10:08
      Permalink

      E si caro Ivan….quello che hai descritto è anche il mio di pensiero, ti dico solo che devo smaltire ancora questa “sconfitta”sono rimasto veramente deluso ,sarà stata l’alta aspettativa che avevo/avevamo,quello che mi solleva è il risultato di Eleonora e sono molto fiero di lei,una persona fantastica,che sono sicuro farà molto bene.In questo momento sento il bisogno di disintossicarmi ,almeno un pò,questo non vuol dire che non ci sono più….ho solo bisogno di smaltire la delusione , ricaricare batterie e morale.Sono fiero di aver conosciuto te e le persone fantastiche di questo gruppo, siete stati tutti grandi,te e Marta in particolare, perchè mi avete dato l’occasione di vivere un’esperienza tutta nuova e non senza risultati.Io continuo a seguire il gruppo e ripeto ci sono ancora.
      Un abbraccio a tutti ADAMO. ………..Magari vinceremopoi!!!!!!!!!!!!

    • 29 maggio 2014 in 10:47
      Permalink

      “La causa è giusta e nobile e per questo, non esiste ritirata, ma solo la vittoria”. Condivido il pensiero, ma perché un pensiero si realizzi in qualcosa di concreto non basta il vuoto pneumatico delle proposte, ci vogliono azioni concrete. Non è stata una bella azione quella della Lombardi di sbeffeggiare a suo tempo Bersani, rifiutando una prima possibilità offerta a voi tutti di azione concreta “sul campo”.

    • 29 maggio 2014 in 13:11
      Permalink

      Bisogna continuare a lottare e seguire l’esempio di catania e provincia..dove non manca niente…clientelismo…mafia…asse pd-mpa…eppure m5stelle tiene alla grande…

    • 29 maggio 2014 in 18:03
      Permalink

      Grande peppe fino alla vittoria!!!!!!!!!!!!!

    • 29 maggio 2014 in 22:58
      Permalink

      Mi hai fatto venire le lacrime, mi si è stretto il cuore leggrndo queste tue parole, cittadini come te sono l’orgoglio degli italiani onesti! Il M5S è l’unica speranza per andare avanti! Resteteremo sempre Uniti cercando ad ogni costo di proseguire nel nostro cammino. Grazie amico mio….. Grazie a tutte le persone oneste come Luigi, Alessandro Paola e tutti quelli del movimento che combattono tutti i giorni con tutte le loro forze per difendere il nostro popolo affinché nessuno rimanga indietro …. Grazie Beppe sei un papà per noi!

    • 30 maggio 2014 in 13:38
      Permalink

      cosa dire hai ragione purtroppo hai visto quel paese che è stato aiutato dopo il terremoto
      con i soldi non con parole hanno continuato a votare chi gli ha riempito la testa di parole
      comunque quelle persone non mi sento di condannarle perché hanno paura che questi
      politici facciano in modo di peggiorare la loro situazione e queste non sono parole buttate li cosi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *